Vaccinazione anti COVID

Egregia/o Collega,

nell’intento di fare un poco di chiarezza e di fugare, per quanto possibile, le ansie ed i timori legati alla procedura di immunizzazione anti COVID 19 siamo a precisare quanto segue.

A quanto abbiamo appreso da contatti con l’AUSL le procedure di immunizzazione procedono, come ovvio, in base alla disponibilità di vaccini.  Attualmente quella di AstraZeneca, fino ad oggi destinata ai Colleghi che sono già stati contattati per essere vaccinati (con prenotazioni entro il mese di marzo), è pari al 25% del totale (le dosi di vaccino Pfizer Biontech sono state riservate agli insegnanti per riattivare il settore scuola e limitare i rischi di contagio anche delle famiglie degli alunni per motivi che riteniamo superfluo spiegare).  Le consegne dei vaccini nella nostra provincia non hanno ancora consentito di completare la vaccinazione delle Forze dell’Ordine e gli over 75 per i quali è prevista la somministrazione di AstraZeneca, vedranno probabilmente rinviata la data della loro vaccinazione.

A quanto ci risulta l’attuale difficile situazione dipende perciò dalla distribuzione dei vaccini e sfugge al controllo dell’Autorità sanitaria che ha già predisposto l’organizzazione per la loro somministrazione appena questi saranno disponibili.

Come sapete le operazioni preliminari all’immunizzazione dei medici veterinari liberi professionisti della nostra provincia sono iniziate il 9 gennaio con l’invio della circolare con la quale, nel rispetto della normativa privacy, si chiedeva di rispondere inviando i dati che l’AUSL ci aveva richiesto al fine di poter predisporre le liste.  Abbiamo provveduto ad inviare per tre volte gli elenchi dei candidati all’AUSL.  Il 15 febbraio abbiamo ritenuto di poter chiudere le iscrizioni.

Nel frattempo anche la Regione Emilia Romagna ci ha chiesto di inviare gli elenchi dei candidati ad un indirizzo mail dedicato, dopo che fossero stati aggiunti ulteriori dati, per i quali è stato necessario chiedere agli aderenti alla prima fase un’estensione dell’autorizzazione all’invio.  Gli elenchi aggiornati dovevano pervenire tassativamente all’indirizzo regionale entro venerdì 19 febbraio 2021 e così è stato.

Tramite la Federazione Regionale, il 3 marzo abbiamo poi ricevuto ed inviato ai Colleghi l’indirizzo https://candidaturacovid.lepida.it/#/auth al quale collegarsi per inserire la propria candidatura nel sito della Regione confermando i dati già inviati. Chi ha provveduto con sollecitudine ha avuto successo e ricevuto una mail di conferma.  Con queste operazioni si è conclusa la parte di competenza dell’Ordine.

Come ampiamente diffuso dagli organi di informazione nelle ultime settimane, le procedure di immunizzazione per il COVID-19 sono state più volte modificate ed aggiornate a livello regionale.  Ciò ha permesso che siano insorte e “persistano purtroppo importanti differenze regionali che sono molto difficili da accettare” (Presidente Draghi 24 3 2021).

Attualmente prevale l’ottica di procedere all’immunizzazione in base ad effettivi fattori di rischio, tra i quali l’età avanzata, piuttosto che in base all’appartenenza a “gruppi che vantano priorità, probabilmente in base a qualche loro forza contrattuale” (Presidente Draghi 24 3 2021).  Riteniamo che, anche in virtù alla nostra qualità di “medici” veterinari, non si possa che essere d’accordo con le scelte operate dall’Autorità sanitaria in questo difficile momento e che si debbano adottare un atteggiamento ed un comportamento civili e responsabili.

Sarà nostra cura tenerVi informate/i di ogni sviluppo del quale verremo a conoscenza.

Cordiali saluti

Il Consiglio Direttivo